lunedì 19 marzo 2012

Come trovare lavoro con la nuova timeline di Facebook

Tra poco tutti i profili di Facebook passeranno alla nuova Timeline (in Italia conosciuta come "diario"). Osservando un po' le nuove caratteristiche, ho pensato subito che le potenzialità di questo nuovo strumento siano notevoli se stai cercando lavoro.
Almeno spero, perché io sto - cercando - lavoro.

Come vada, vada, ho iniziato questo esperimento in cui utilizzo la timeline come Résumé online dei miei lavori. C'è solo una regola: chiedi l'amicizia a mitraglietta e qualcuno magari per sfinimento t'assumerà.

Dopo il video, tutti i link.


Se t'è piaciuto questo video, non è finita qui, infatti adesso puoi:

• iscriverti alla newsletter inserendo la tua email nella colonna di destra;
• iscriverti al mio canale YouTube;
• se proprio ti interessa puoi seguirmi su Twitter;
• puoi vedere la mia Timeline e chiedermi l'amicizia :)
• fai girare il video, postalo dove ritieni più opportuno - stupiscimi.
• va be', sì, puoi assumermi.

PS: da adesso puoi commentare qui sotto con il tuo account Facebook!
________
update: su WhyMarche parliamo del video + recensione di Valentina Latini, che sbeffeggia amichevolmente così (che testa, 'sta donna!):
"Settimana ricca per il cinema italiano: nonostante l’arrivo delle temperature primaverili si è registrato un picco di presenze al box office questo week-end.
La vera sorpresa è stato il documentario della giovane Luna Margherita Cardilli: partendo da uno spunto interessante, quali le dinamiche e la dipendenza da social network, il documento visivo si snoda attraverso una analisi dettagliata delle potenzialità offerte dai nuovi strumenti tecnologici.
Il tutto prende le mosse da un episodio di vita quotidiana che si dilata fino toccare aspetti introspettivi e personali: siamo trasportati, attraverso un gioco di silenzi e sottrazioni, nei gangli e nei tormenti più reconditi dell’animo della giovane protagonista.
Per il tema trattato, il documentario vanta anche l’endorsement del Goldman Sachs group, il cui portavoce ufficiale, all’uscita dalla prima, ha entusiasticamente affermato: “Un’opera prima visionaria, di alto profilo. Siamo certi che avrà larga diffusione, non ne escludiamo una versione adattata per il settore siderurgico e quello ortofrutticolo”
Fonti accreditate parlano di ulteriori movimenti nelle alte sfere della finanza, sembra che lo stesso Paperon de Paperoni abbia già acquistato i diritti cinematografici per il sequel.
Buona visione!
"

Nessun commento:

Posta un commento